Dializzatore elettrolitico

Dializzatore elettrolitico

Questo dializzatore elettrolitico è stato realizzato per l’impianto di assemblaggio e controllo qualità del nostro progetto di sonde per salinometro.

Durante l’assemblaggio, le sonde venivano toccate con le mani e immerse nella vasca per effettuare il test di qualità. Inevitabilmente il livello di salinità dell’acqua demineralizzata contenuta nella vasca aumentava nel tempo. Per non dover periodicamente sostituire tutta l’acqua contenuta nella vasca, abbiamo messo a punto un dializzatore che mantiene costante il tasso di salinità dell’acqua demineralizzata.

Quando il livello di salinità comincia a salire si collega il dializzatore alla vasca inserendo il plug del dializzatore nel vano sonda.

L’acqua sale nel tubicino del dializzatore, passa attraverso un cilindro di carboni attivi e torna nella vasca.

All’intenro del cilindro di carboni attivi c’è un secondo cilindro, coassiale al primo, costituito da una membrana porosa avvolta intorno a una retina di acciaio inox.

Quando il dializzatore è in funzione, collegato alla tensione elettrica, la retina d’acciaio funge da catodo e il cilindro di carboni attivi da anodo.

Da sinistra a destra particolari: plug di innesto – cilindro di carboni attivi – pompa e serbatoio di scarico.

Il cloruro di sodio contenuto nell’acqua che circola nell’apparecchio si scinde elettroliticamente:

I carboni attivi dell’anodo assorbono gli anioni di Cloro.

Il sodio migra all’interno del setto poroso sotto forma di idrossido di Sodio. Una pompa peristaltica lo aspira e lo deposita in un serbatoio.

Così Il dializzatore consente di risparmiare ingenti quantità di acqua e di tempo durante l’assemblaggio e il test delle sonde.

Seguici anche sulla nostra pagina Facebook